Omicidio Matteotti, l’ombra del Re.

Matteo Matteotti (Gianmatteo all’anagrafe), aveva solo tre anni quando suo padre Giacomo Matteotti fu ucciso.

Successivamente in età matura, nel sostenere l’intenzionalità dell’assassinio del padre, condivise le accuse con il giornalista Marcello Staglieno coinvolgendo il Re d’Italia Vittorio Emanuele III come il mandante di tale orribile misfatto.

L’assassinio di Giacomo Matteotti non fu un delitto politico, ma affaristico. Mussolini non aveva alcun interesse a farlo uccidere. Sotto c’era uno scandalo di petrolio e la longa manus della corona.

E il motivo? Quale poteva essere il truce interesse che spinse il Re a ordire le trame per la morte di Giacomo Matteotti?

Nell’intervista con Marcello, Matteo sul piano dell’ipotesi, ne spiega le sue deduzioni legate allo scandalo petrolifero della Sinclair Exploration Company.

In un pomeriggio del marzo 1978 Matteo s’incontrò con un anziano mutilato di guerra, Antonio Piron, venuto appositamente per lui da Firenze.

Costui gli consegnò un documento rinvenuto nel tubo di una stufa. Si trattava di un testo autografo su carta intestata della Camera dei Deputati e a firma di Giacomo Matteotti; assolutamente autentico come lo definirono i periti che lo esaminarono.

Il testo era l’articolo comparso anonimo sulla rivista Echi e Commenti del 5 giugno 1924 contenente riferimenti brevissimi a due scandali riguardanti “bische” e “petrolio“.

L’intervista di cui oggi ne proponiamo la riproduzione integrale ai fini di darne chiara lettura parte proprio da questo documento riapparso dal passato:

[…] D. Parliamo dei petroli?
R. Si, lasciamo stare le bische, il cui decreto regolamentare era stato approvato da poco alla camera. Il riferimento ai petroli è assai più interessante. Riguarda il regio decreto legge n.677, in data 4 maggio 1924, nel quale l’articolo primo afferma: <E’ approvata e resa esecutiva la convenzione stipulata nella forma di atto pubblico, numero di repertorio 285, in data 29 aprile 1924, fra il ministero dell’economia nazionale e la Sinclair Exploration Company>.
Le firme sono quattro Vittorio Emanuele, Corbino, De Stefani, Ciano. Ma ritengo che, da tener d’occhio, sia proprio Vittorio Emanuele…
D. Sia più esplico.
R. Nel 1924, dopo l’uccisione di mio padre, i giornali – ma non soltanto quelli – parlarono della denuncia  che avrebbe dovuto essere portata da Giacomo Matteotti davanti alla camera, riferendosi in particolare ad un dossier, contenuto nella sua cartella il giorno del rapimento, che riguardava appunto, assieme alle bische, i petroli.
D. Suo padre aveva realmente con se quel dossier?
R. Non ne ho le prove materiali. Però uno storico serio come Renzo De Felice afferma che le insistenti voci di un delitto affaristico “non possono essere lasciate cadere a priori”. Ed esistono due documenti, sempre citati da De Felice: 1) un rapporto di polizia per De Bono, nel quale afferma che turati sarebbe in possesso di una copia dei documenti sulla Sinclair che aveva mio padre e dove si precisa che Filippo Filippelli del Corriere Italiano aveva contribuito all’uccisione per rendere un servizio all’onorevole Aldo Finzi e al fascismo; 2) un rapporto dell’ambasciata tedesca a Roma inviato a Berlino (10 settembre 1924) che parla di quei tali documenti pervenuti nelle mani di mio padre.
D. E dove sarebbero finiti, quei documenti?
R. Forse nelle mani del re. In Appendice al mio libro (Matteo scrisse a tal proposito un libro che fu pubblicato da Rusconi: “Quei Vent’Anni. Dal fascismo all’Italia che cambia“) intendevo aggiungere a puro titolo d’ipotesi come del resto faccio ora parlandone, tre articoli. Ma l’editore mi sconsigliò. Il primo era stato pubblicato su Stampa Sera il 2 gennaio 1978. Era a firma di Giancarlo Fusco, una cara persona purtroppo scomparsa che aveva fama di spararle grosse. Però nessuno s’è mai sognato di smentire e affermazioni gravissime di quel suo articolo. In sintesi, eccole: nell’autunno del 1942, Aimone di Savoia duca d’Aosta, scriveva Fusco, raccontò a un gruppo di ufficiali che nel 1924 Matteotti si recò in Inghilterra dove fu ricevuto, come massone d”alto grado, dalla loggia The Unicorn and the Lion. E venne casualmente a sapere che in un certo ufficio della Sinclair, ditta americana associata all’Anglo Persian Oil, la futura BP, esistevano due scritture private. Dalla prima risultava che Vittorio Emanuele III, dal 1921, era entrato nel register degli azionisti senza sborsare nemmeno una lira; dalla seconda risultava l’impegno del re a mantenere il più possibile ignorati (covered) i giacimenti nel Fezzan tripolino e in altre zone del retroterra libico.
D. E il secondo e il terzo articolo?
R. Al tempo. Ancora riguardo al primo (per restare sul piano di quest’avventurosa ipotesi, un po’ piduista avanti-lettera), esso potrebbe spiegare anche come sia «passato»
così rapidamente quel decreto legge, citato da me poco fa, sullo sfruttamento da parte della Sinclair del petrolio reperibile nel sottosuolo italiano, in Emilia e Sicilia. Un decreto-legge che non diventò mai esecutivo: una commissione, appositamente creata per valutare quell’accordo Italia-Sinclair lo bocciò. Ma torniamo al giugno 1924.
D. Parliamo di Vittorio Emanuele III?
R. Sempre sul piano delle ipotesi. Ai primi di giugno a De Bono si sarebbe presentato un informatore, certo Thirshwalder, con una notizia preziosa: Matteotti aveva un dossier  non solo sui brogli elettorali fascisti del ’24, ma anche sulle collusioni tra il Re e la Sinclair. De Bono (forse saltando Finzi, sottosegretario agli interni) interpellò il fido Filippelli che a sua chiese ad Amerigo Dumini di organizzare una “spedizione” contro Matteotti. Mussolini ne venne al corrente solo due giorni dopo anche se all’indomani del discorso dello stesso Matteotti aveva esclamato: “Che cosa fa la Ceka, che fa Dumini!”… E Dumini agì probabilmente ignorando chi davvero lo muoveva.
D. Benito Mussolini non aveva alcun interesse a far uccidere suo padre…
R. Mussolini voleva – fin dal 1922, subito dopo la marcia su Roma – riavvicinarsi ai socialisti. Il 7 giugno 1924, quando il delitto era in piena fase di progettazione, pronunciò un discorso che era un appello alla collaborazione rivolto proprio ai socialisti. Per questo l’attacco fattogli da mio padre pochi giorni prima fece infuriare il duce: è un fatto innegabile. Ma è altrettanto vero che quel 7 giugno Mussolini pensava – nonostante mio padre – di poter avere i social-riformisti, D’Aragona e forse Turati al governo. Ci sono in proposito, due testimonianze: quella di Giunta e quella di Carlo Silvestri. Anzi a quest’ultimo, come risultava da una deposizione al processo Matteotti rifatto nel 1947, fu proprio Mussolini in persona a dichiararlo, aggiungendo che Matteotti era vittima di loschi interessi. No, il duce non aveva alcun interesse a farlo uccidere: si sarebbe alienato per sempre la possibilità di un’alleanza con i suoi vecchi compagni, che non finì mai di rimpiangere… Del resto, per citare De Felice, possiamo leggere nel suo saggio che «l’azione contro Matteotti non fu realizzata a caldo, come, per esempio, era stata quella contro Misuri. Tutti gli elementi emersi in occasione dei tre procedimenti connessi al delitto provano che la preparazione del delitto cominciò il 31 maggio, all’indomani del discorso di Matteotti alla Camera. E possibile, si chiede De Felice, «pensare che, se anche Mussolini avesse impartito l’ordine, in undici giorni la collera non gli sarebbe sbollita e non si sarebbe reso conto di un simile atto?››. Lo stesso Pietro Nenni, nel 1929, affermò che quello era stato un delitto affaristico. Mio padre, aggiungo io, venne assassinato in modo precipitoso…
D. E cioè?
R. Dumini e gli altri della Ceka fascista non avevano con sé neppure una pala; erano su un’auto del Corriere Italiano di Filippo Filippelli, che era l”uomo di Aldo Finzi. Ma anche a voler non sospettare di Finzi, sono indubbi i legami di Filippelli con De Bono… L’azione,
comunque, fu precipitosa. La tesi del delitto preterintenzionale non mi convince: ad assassinare mio padre fu, con una lima, Amleto Poveromo. Con la certezza di farla franca: all’auto la polizia risalì solo per caso. Il delitto comunque fu compiuto subito dopo la pubblicazione di quel tale articolo di Giacomo Matteotti su Echi e Commenti.
D. Con quali obiettivi?
R. Continuando nella nostra ipotesi, gli uomini della Ceka erano convinti d’agire in nome di Mussolini; in realtà allontanavano la possibilità d’un governo con i socialisti, possibilità che doveva spaventare molto la corona e la borghesia industriale italiana; dall’altra parte davano soddisfazione al fascismo più intransigente, quello farinacciano; e, infine, sottraendo quei tali documenti – supposto che esistessero, ed io ci credo – salvavano (ma senza saperlo: l’unico al corrente era De Bono) la corona dalla faccenda Sinclair. E quanto si legge anche in un articolo pubblicato dall’Avanti! nel gennaio 1978, pochi giorni dopo quello di Fusco. Anche esso avrebbe dovuto trovare spazio nell’Appendice, assieme a una lunga lettera di Giorgio Spini, indirizzata alla Stampa nel
1978. Questa lettera spiega che genere di farabutto fosse Sinclair. Ma chi voglia maggiori dettagli sulla vicenda, anzi su quello sporco affare in cui erano coinvolti ministri come
Mario Corbino e De Stefani, assieme all’onorevole Jung, all’ambasciatore Caetani e a molti altri, legga con attenzione il capitolo che alla Sinclair e al delitto Matteotti ha dedicato Matteo Pizzigallo nell’eccellente saggio pubblicato nel 1981 da Giuffrè col titolo “Alle origini della politica petrolifera italiana 1920-1925. Per parte mia, sono convinto che altri importanti documenti, ad avvalorare l’ipotesi del delitto affaristico con
la longa manu: anche della corona, verranno molto presto alla luce. […]

Fonti articolo:
[Storia Illustrata – Novembre 1985 – numero 336]
[Storia Illustrata – Maggio 1997 – numero 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *