I soldati italiani nelle prigioni di Hitler

Internati Militari Italiani (Italienische Militär-Internierte – IMI) fu il nome ufficiale dato dalle autorità tedesche ai soldati italiani catturati, rastrellati e deportati nei territori del Terzo Reich nei giorni immediatamente successivi alla proclamazione dell’Armistizio di Cassibile (8 settembre 1943).

Dopo il disarmo, soldati e ufficiali vennero posti davanti alla scelta di continuare a combattere nelle file dell’esercito tedesco o, in caso contrario, essere inviati in campi di detenzione in Germania.

Solo il 10 per cento accettò l’arruolamento. Gli altri vennero considerati “prigionieri di guerra”. In seguito cambiarono status divenendo “internati militari” (per non riconoscere loro le garanzie della Convenzione di Ginevra), ed infine, dall’autunno del 1944 alla fine della guerra, “lavoratori civili”, in modo da essere sottoposti a lavori pesanti senza godere delle tutele della Croce Rossa loro spettanti.

Fonte: [Rai Cultura] I soldati italiani nelle prigioni di Hitler

I giorni della nostra storia : Regia di Ermanno Olmi. La deportazione dei soldati italiani nei campi di lavoro e di concentramento nazisti 1943-1945 di Sergio Valentini : consulenza Vittorio Emanuele Giuntella.

Fonte video: [utente Associazione Culturale Biblioteca LorenzoLodi Onlus – YouTube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *